Mar 15, 2021 - Senza categoria    No Comments

La storia di Liviya: il relatore della convention veterinaria condivide il viaggio della famiglia, una vittoria al galoppo per la ricerca sugli animali

Questa non è una storia d’amore incantata, con l’eroe che si precipita a cavallo per salvare la damigella in pericolo. In questo classico contemporaneo, la damigella è una bambina tradita dal proprio corpo. E l’eroe non è a cavallo, è il cavallo stesso. “Liviya aveva solo l’1% delle piastrine del sangue normali. Il suo midollo osseo si era chiuso e le sue cellule T stavano attaccando tutto “, ha detto suo padre, Brian Anderson, di Raleigh, N.C.” Il suo sistema immunitario la stava uccidendo, quando la ricerca sugli animali ha dato a Liviya una nuova possibilità di vita “. Anderson ha detto sabato ai partecipanti alla Convention dell’American Veterinary Medical Association di Denver, in una presentazione intitolata “La storia di Liviya: come gli animali hanno salvato la vita di mia figlia”.

Nel 2010, Liviya Anderson, 6 anni, ha sviluppato una febbre persistente. Una visita dal pediatra ha mostrato che non aveva un comune raffreddore o mal di gola. Un viaggio al pronto soccorso ha rivelato una diagnosi devastante: anemia aplastica, una malattia rara e potenzialmente fatale. La famiglia Anderson si è presto trovata in un giro sulle montagne russe pieno di cadute strazianti e svolte sconvolgenti. È una corsa che non riusciranno mai a scendere.

L’anemia aplastica viene diagnosticata in 2 su 1 milione di persone, o circa 600 ogni anno negli Stati Uniti. Quando fu riconosciuta per la prima volta nel 1980, la malattia aveva un tasso di mortalità dell’80%. È noto che colpisce i bambini, in genere dai 6 ai 16 anni, così come gli adulti, con questi ultimi che ricevono una prognosi meno promettente. La malattia può essere genetica o può essere, come nel caso di Liviya, acquisita da un virus che, per un motivo sconosciuto, fa sì che tutte le cellule del corpo vengano “marcate” per l’attacco da parte dei linfociti T che combattono l’immunità.

La prima linea di trattamento medico è costituita dagli antibiotici, per uccidere il virus e mantenere in vita il paziente abbastanza a lungo da tentare di ricostruire lentamente il midollo osseo. Questo è seguito da trasfusioni di sangue immediate e continue prima della somministrazione di globulina antitimocitaria, o ATG, tramite una porta inserita nella vena giugulare.

Un siero animale purificato, l’ATG è prodotto principalmente da cavalli e conigli. È fatto per colpire particolari cellule del sistema immunitario umano. Nel caso di Liviya, l’ATG ha intrapreso una guerra contro i propri linfociti T, le cellule che avrebbero dovuto proteggerla ma che invece stavano causando la malattia. “Le cellule non possono essere riprogrammate e sono imprevedibili, quindi devono essere mantenute in uno stato di” ubriachezza “dopo che l’ATG è stato somministrato”, ha detto Anderson. “Questa soppressione immunitaria si ottiene iniettando alcuni farmaci seri. Per Liviya, ciò significava ricevere circa 150 iniezioni “.

Aggrappandosi alla speranza, la famiglia Anderson ha sopportato molti viaggi in ospedale, battute d’arresto dovute a lievi ferite, timori per le reazioni allergiche alle trasfusioni e la consapevolezza che la febbre necessitava di una linea IV di antibiotici entro 15 minuti dalla visita al pronto soccorso . Alla fine, dopo diversi mesi, Liviya iniziò a produrre il proprio sangue e midollo osseo, e il dottor Brent Weston, il suo oncologo ematologo risoluto presso l’ospedale della University of North Carolina, poté fare una “danza felice”.

Presto per festeggiare il suo decimo compleanno, Liviya è a tutti gli effetti una ragazza sana. I suoi livelli ematici stanno ancora migliorando, come dimostrato da regolari esami del sangue. È sempre stata pazza per tutto ciò che è equino ed è entusiasta e grata di essere ora “in parte cavallo”. Tuttavia, Liviya non è guarita; vive con una probabilità del 50% che la malattia ritorni. Non esiste una cura per l’anemia aplastica, solo un trattamento interamente reso possibile attraverso la ricerca sugli animali. La sua famiglia sta lavorando instancabilmente per aumentare la consapevolezza e il denaro per una borsa di ricerca per combattere la malattia.

Per coincidenza, o forse per provvidenza, il padre di Liviya ha fatto la sua carriera nella ricerca biomedica, lavorando per diverse aziende tra cui Allentown, Inc. e Steris Corp. Attualmente è direttore dello sviluppo aziendale per le scienze della vita presso Getinge, Inc., a Rochester, NY “Molti di noi non sono mai in grado di vedere i vantaggi di ciò che facciamo nel nostro lavoro”, ha detto. “Eseguiamo le mozioni senza un chiaro apprezzamento dell’importanza del nostro lavoro. Ovviamente per me è cambiato.

Attraverso il suo lavoro, è stato in grado di visitare i cavalli salvavita che producono ATG che hanno salvato la vita di sua figlia. “I cavalli erano molto ben curati, hanno avuto il meglio di tutto e sono stati alloggiati in condizioni perfette”, ha aggiunto. “Sono stato felice di avere la possibilità di incontrarli e di dire ‘grazie’ per quello che stanno facendo, per quello che hanno fatto per la mia famiglia.”

Anderson ammette che ci sono due lati in ogni storia e la ricerca sugli animali è un argomento estremamente acceso, sia a favore che contro. “Ma la verità è che i professionisti del settore si prendono cura e rispettano gli animali a loro affidati. Gli studi vengono condotti nelle migliori condizioni “, ha spiegato. “Senza la ricerca sugli animali, non avremmo a disposizione trattamenti, procedure o farmaci per fare la differenza. C’è un punto nella ricerca, e questo è salvare la vita di animali e persone “.

La storia di Liviya: il relatore della convention veterinaria condivide il viaggio della famiglia, una vittoria al galoppo per la ricerca sugli animaliultima modifica: 2021-03-15T12:49:50+01:00da natalia890
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento